Catalogatore
Password





Contatti

Immobili

Fabbricato Via Italo Svevo 2, Ex Gasometro Broletto


    DTMM Motivazione cronologia:Bibliografia
    Natura:fabbricato
    Bene parte di un complesso:fabbricato
    Denominazione del complesso:Ex Gasometro Broletto
    Comune:FVG/Ts/Trieste/ 34100
    Den. stradale - indirizzo:Via Caduti sul Lavoro, 2 ; Via Italo Svevo, 2
    Coordinate Gauss-Boaga:2424733, 5054456
    Anagrafico:Chiarbola, 190/13
    Codice SIT:0700190/13
    Tavolare:Chiarbola/ P.T. 2217
    Catastale:Chiarbola/ F.M. 1/ 220/20
    Altri elementi di confine:Via Bartolomeo d'Alviano ; Via Caduti sul Lavoro ; Via dei Lavoratori
    Uso attuale:Non utilizzato
    Natura giuridica proprietari:Ente pubblico - Comune
    Riferimenti propr. pubblico:Comune di Trieste/ 00210240321/ Piazza Unità d'Italia, 4
    Interesse culturale:Vincolo diretto BB AA PP
    L. 1089/1939:05-01-1988 declaratoria
    Descrizione storica:La struttura sorge nell'area anticamente conosciuta come valle del Broletto, appartenuta alla nobile famiglia Giuliani, e dal 1869 di proprietà di Giuseppe Millanich.
    L'area estesa tra S. Andrea e Chiarbola inferiore è interessata da uno sviluppo urbanistico di tipo industriale a partire dalla prima metà dell'Ottocento; la zona risulta vantaggiosa per l'insediamento di strutture cantieristiche ed industrie in particolare per l'apertura su un braccio di mare tranquillo e per l'assenza di costruzioni preesistenti. A questa fase risale l'apertura di strutture importanti per l'economia della città come lo Stabilimento navale Adriatico, lo Stabilimento Tecnico Triestino e l'Arsenale del Lloyd. Sul finire dell'Ottocento in seguito all'aumento di consumo di gas sia pubblico sia privato emerge l'esigenza di ampliare le strutture già esistenti, impiegate in tale produzione. La prima Usina Comunale del Gas viene acquistata nel 1864 dal Comune che assume il servizio da una Società francese attiva dal 1846; la costruzione viene realizzata nel 1864 dall'ingegnere Kühnel su di un fondo di circa 20.000 metri quadri, ampliato di altri 25.000 metri quadri nel 1877. L'aumento di domanda di gas induce l'amministrazione comunale a programmare la costruzione in località Broletto di un primo gasometro a tenuta idraulica della capacità di 8.000 metri cubi. Con l'espansione della città sul finire del secolo di decide l'apertura di una nuova e più grande struttura; nella medesima località nel 1901 viene edificato un altro gasometro sempre a tenuta idraulica ma con una maggiore capacità.
    L' edificio viene realizzato su disegno dell'ingegnere civile Francesco Buonaffi su indirizzo dell'Azienda Comunale Elettricità Gas Acqua di Trieste, con una spesa approssimativa di 560.000 corone dell'epoca. La struttura è dotata di una cupola costruita secondo il sistema Schwedler risalente al 1866, già impiegato per i gasometri berlinesi. Nella relazione dell'ingegnere Peressini contenuta all'interno del "Preventivo per opere da eseguirsi nell'anno 1901" dell'Officina comunale del gas, compare il riferimento all'utilizzo di luci con capacità fino a 60 metri. Con gli altri gasometri esistenti raggiunge la capacità di 40.000 metri cubi. Sopravvive ai bombardamenti del 1916, rimanendo tuttavia inattivo per tutta la durata della Seconda Guerra Mondiale. Dopo un periodo di ripresa dal 1947, la struttura viene chiusa per consentire una ristrutturazione generale tra il 1950 ed il 1952 ad opera dei Cantieri Riuniti dell'Adriatico. Rispetto alle altre strutture con la medesima funzione, il gasometro in esame non viene demolito ma salvaguardato e protetto come bene di interesse culturale. Allo stato attuale la struttura è oggetto di diverse ipotesi di riutilizzo, indirizzate in generale verso destinazioni culturali e museali, tra cui la possibilità di creare un planetario con museo dell'astronomia, un cinema tridimensionale, una sede per attività musicali o centro per l'arte contemporanea.
    Descrizione morfo - tipologica:La struttura, con capacità pari a 20.000 mc di gas, è di forma circolare e misura 41 metri di diametro e 35 metri di altezza. Lo spessore del muro risulta di 90 cm, per un'altezza di 90 metri. La campana metallica, libera di scorrere secondo l'asse verticale su delle guide posizionate sul perimetro esterno, è aperta sul fondo e si trova immersa in una vasca d'acqua, la cui profondità è pari a 10 metri. La superficie muraria è articolata da 14 ampie vetrate a struttura metallica, secondo una simmetria centrale. L'interno della cupola si presenta rivestito in legno, mentre il rivestimento esterno è caratterizzato da 15 lesene, su un alto zoccolo, a sostegno del tamburo articolato in numerose finestrelle. A coronamento si trova una lanterna con ballatoio caratterizzato da numerose aperture per consentire una maggiore illuminazione e diversi motivi decorativi.
    Elementi decorativi:Elementi ornamentali esterni
    Desc. el. decorativi:ARCHI (esterno):
    Archi a sesto ribassato con mensola in chiave di volta ad inquadrare le aperture a vetrata.
    CORNICE (esterno):
    Doppia cornice marcapiano su tutto il perimetro della superficie muraria esterna.
    TRABEAZIONE (esterno):
    Trabeazione costituita da lastre scanalate e lisce alternate agli oculi superiori a coronamento della superficie muraria esterna.
    MANOMETRO (esterno):
    Manometro in pietra coronato da una lastra recante l'iscrizione "ADMCMII" sulla superficie muraria esterna.
    Dati verificati al:22-11-2005/ Inserimento dati Soprintendenza, 24-11-2005/ Inserimento allegati e descrizione storica, 30-01-2006/ Revisione dati identificativi e allegati, 09-05-2007/ Revisione scheda
    Fonti:Cordara, 1983.
    Generini, 1968, pp. 90-92, 293.
    Guacci, 1998, pp. 101-107.
    Maranzana, Ex Gasometro, parte la trasformazione, in Il Piccolo, 2 gennaio 2006.
    Pupis, 2004.
    Ruaro Loseri, 1985, pp. 352-354.
    Semerani, 1969, pp. 108-110, 144.
    Seri, Ivanissevich degli, 1980, pp. 15-16.
    Valcovich, 1988, pp. 99-100.
    CMPN Compilatore:Collavizza Isabella


    Scheda redatta nell'ambito del Progetto Atlante dei Beni Culturali


Prospetto.JPG
Prospetto.JPG
30-01-2006/ Isabella Collavizza/ Prospetto
Particolare prospetto.JPG
Particolare prospetto.JPG
30-01-2006/ Isabella Collavizza/ Particolare prospetto
Particolare cupola.JPG
Particolare cupola.JPG
30-01-2006/ Isabella Collavizza/ Particolare cupola
bbaapp.JPG
bbaapp.JPG
15-09-1985/ Soprintendenza/ Esterno
bbaapp.JPG
bbaapp.JPG
15-09-1983/ Soprintendenza/ Esterno cupola
bbaapp.JPG
bbaapp.JPG
15-09-1983/ Soprintendenza/ Interno
bbaapp.JPG
bbaapp.JPG
Soprintendenza/ Disegno prospetto
bbaapp.JPG
bbaapp.JPG
Soprintendenza/ Disegno sezione
bbaapp.JPG
bbaapp.JPG
Soprintendenza/ Disegno pianta
Declaratoria.PDF
Declaratoria.PDF
Declaratoria
Comunale.PDF
Comunale.PDF
Comunale
Catastale.PDF
Catastale.PDF
Catastale _ 1 _ 1983

Vedi anche
       

  Copia l'URL di questa pagina Aggiungi questa pagina

     


Sigle collocazioni
BAG: Archivio Generale
BC: Biblioteca Civica Hortis
CMSA: Civici Musei Storia Arte
CMSN: Civici Musei Scientifici
CMT: Civico Museo Teatrale
H: Museo de Henriquez
M: Museo Morpurgo
REV: Museo Revoltella
S: Museo Sartorio
CMAO: Civico Museo Arte Orientale
R: Risiera di S. Sabba

Contatti